Adriano Massari archettaio-bowmaker
Adriano Massariarchettaio-bowmaker

BIOGRAFIA/BIOGRAPHY
The scent of wood has been part of my life ever since I can remember and while I was
studying double bass at the Conservatory of Milan, I had the good fortune learn
woodworking in my father’s carpenter shop: he taught me precision and attention to
details.
After my diploma, I decided to try to alter my bow, which I found too bulky and
heavy, and I was quite satisfied with my efforts.
Around the end of the ‘70s, when I worked for a year at the theatre La Scala in Milan,
I learned how to rehair bows from two orchestra colleagues who were also enthusiastic
violin-maker.
But my most important meeting was with Giovanni Lucchi, bow maker in Cremona,
who was my most important teacher and encouraged me with his sharp intelligence
and innumerable good suggestions on bow construction and restoration, with him has
always been very cooperative.
At the beginning of the ‘80s I took a course with Aristide Tira on the techniques of
engraving on precious metals and thus was able to learn a new artistic discipline that
enriched my education and allowed me greater expression. From time to time I also
participated in expositions in Italy and in other countries.
My passion for all aspects of violin-making, not just bows, has stayed with me all these
years; besides paying special attention to the great French bow-makers (Maire,
Peccatte, Voirin, Sartory), I have made several instruments.

 

L'odore del legno mi circonda dalla nascita per quanto mi ricordo e, mentre studio
musica e contrabbasso al Conservatorio di Milano con Giuseppe Russotto, ho la
fortuna di imparare a conoscere e lavorare il legno nella falegnameria di mio padre, il
quale mi insegna la precisione nel lavoro e l'attenzione ai dettagli.
Dopo il Diploma, decido di ridimensionare il mio archetto, piuttosto grosso e pesante, e
sono già abbastanza soddisfatto del mio impegno.
Verso la fine degli anni '70 riesco ad avere un contratto di oltre un anno al Teatro alla
Scala, in quel periodo imparo a ricrinare gli archetti da due miei colleghi
contrabbassisti dell'orchestra, anche loro appassionati di liuteria, inoltre vinco il
concorso per Contrabbasso di Fila al Teatro Comunale di Bologna, che diventerà in
seguito un posto di Secondo Contrabbasso.
Ma l'incontro più importante sarà nel '78 con Giovanni Lucchi, archettaio a Cremona,
ma di origini emiliano-romagnole, anche lui contrabbassista, il quale mi incoraggia con
la sua acuta intelligenza e tanti preziosi consigli sulla costruzione e il restauro, sarà il
mio maestro più importante, con lui ho sempre avuto una grande collaborazione.
L'incontro con Aristide Tira, nei primi anni '80,mi permette, in un corso di incisioni su
metalli preziosi, di imparare una nuova disciplina artistica che arricchisce la mia
formazione e mi lascia esprimere più ampiamente.
Partecipo anche ad alcune esposizioni in Italia e all'estero (Cremona
'82 con un quartetto, Baveno '87, Barcelona '97 con un quintetto in oro inciso(A.Ciciliati) , Bologna 2002, etc....).
La passione per ogni aspetto della liuteria mi accompagna e accresce in tutti questi
anni e, oltre con gli archetti, guardando i grandi maestri francesi ( Maire, Peccatte,
Voirin, Sartory), mi cimento con la costruzione del violoncello, del contrabbasso e della chitarra jazz.

Nasetto da violino inciso-Violin bow frog engraved

 

 

Potete contattarmi a: You can contact me at:

 

adr.massari@gmail,com 

oppure/or 

+39 349 7877008

 

Tel. per appuntamento

Pau-Brasil Flowers
Stampa Stampa | Mappa del sito
© A.Massari.archettaio-bowmaker Via P. Gandolfi 31 40061 Minerbio, Partita IVA:03261331205